Amminoacida, questa sconosciuta...

Amminoacida, questa sconosciuta...
aria da finta timida e modesta, tutta apparenza.

mercoledì 10 ottobre 2012

Le assemblee di classe.

Tutto sommato a me la scuola non dispiace, però sapere di saltare due ore fa sempre bene alla propria salute mentale, TRANNE (sì perché incredibilmente c'è un'eccezione) quando le ore dovrai usarle per fare assemblea di classe. Qui ci starebbe la musichetta da shining, tin-tan-tin-tan....
Io odio le assemblee di classe, le detesto per un sacco di motivi:
1) Ogni volta non si sa di cosa parlare, si cazzeggia.
E' imbarazzante dover scervellarsi per trovare un argomento interessante o perlomeno utile, comunque si finisce sempre con il tirar fuori baggianate. E poi è snervante anche quando capita (cioè la maggior parte delle volte) due o tre giorni dopo di ricordarti che dovevi parlare di quello, ma non ti è venuto in mente durante l'assemblea.  Colpa dei grilli o delle balle di fieno che svolazzando nell'aula silenziosa distraggono.

2) Quando si trova un argomento utile tutti hanno da ridire sulle opinioni di tutti.
Impossibile darne fuori. Impossibile. Tutti la penseranno diversamente e ci sarà sempre, SEMPRE, quello/a che, alzata la mano e cominciato a parlare senza aver ricevuto il permesso (...mmm capita..), dirà sicuramente il contrario di ciò che ha appena sentito, anche se magari per una volta tutta la classe è d'accordo. Per non parlare di quando poi se ne viene fuori con cazzate, pardon, sciocchezze, che fraintendono ostinatamente il senso di ciò che qualcuno (di solito io) ha appena detto. Soprattutto comincio a vedere rosso come i tori e sbuffare fumo dalle orecchie quando prendono sul serio le mie battute e poi dicono 'no, ma sapevo che scherzavi, però...' Però cosa??? Però COSA? Ma che ti sembro scema?! Un po' di buon senso ce l'ho anch'io, santo cielo!  Le tue opinioni bastian contrario non le voglio neanche sentire, vai a elucubrare in bagno da solo/a e non stressarmi la vita, che ne ho già abbastanza. Il soggetto appena chiamato in causa si chiama, appunto 'il/la ma, però!' guardatevi da quelle persone, mi raccomando. Evitatele se potete o fuggite lontano senza guardarvi indietro, per il vostro bene.

3) Ci si attacca morbosamente ad ogni argomento.
Si va avanti a parlarne per mezz'ore intere e bla, bla, bla... Litigi, coalizzazioni, cazzeggio, rabbia inutile, malumori ecc. e alla fine non si risolve una MAZZA. Si sprecano tempo ed energie inutilmente. Alla fine non si passa mai all'azione e si blatera come vecchie zitelle e zitelli acidi, ma quelli veramente pericolosi, che tengono la foto del gatto sul comodino. Non è dibattito, quello si fa durante le lezioni di filosofia, religione, letteratura NON durante le assemblee. Se proprio volete farlo, vi sfido a compilare il verbale!!

4) Il cambio di posti e le gite.
Tutti odiano e allo stesso tempo desiderano cambiare di posto. A meno che non siate seduti di fianco alle vostre migliori amiche, in tal caso vi assicuro che non vorreste in alcun modo schiodarvi da lì.
Comunque, quale modalità scegliere per cambiare i posti? Pescare coi bigliettini? Nooo, il destino può giocare brutti scherzi. Scelgono le rappresentanti? Nooo, sono imparziali e favoriscono/sfavoriscono qualcuno. A rotazione? Noooo sempre gli stessi di fianco.
E poi 'io vicino a quello/a non ci sto' 'Quelle due vicine fanno casino' 'Io non ci vedo' 'Io in prima fila non ci sto' 'in ultima mi deconcentro 'lei è troppo bassa, lui troppo alto' sì bene e quella troppo magra, l'altro troppo grasso, st'altro troppo brutto e io troppo bella, distraggo i vicini di banco. Uff, che fatica. Tanto alla fine nessuno sarà mai soddisfatto. Fortunatamente oggi nessuno ha menzionato i posti, siamo tutti seduti di fianco a chi vorremmo.
Ammetto che quando si tratta di posti anch'io son difficilina di gusti, anche perché nessuno gradirebbe un omicidio in classe e io potrei compierlo.
Per quanto riguarda le gite... : qui è sempre tutto un forse. Alla fine non si realizza mai un bel niente, non val neanche la pena parlarne.

5) Il casino e i menefreghisti.  Mamma mia quanto detesto questa categoria. La categoria 'non me ne frega niente, faccio quel che mi pare.' Almeno non fate confusione. Ma figurati, ma ti pare?? Chiacchiericcio continuo sottovoce che sembra il rosario (a volte si aggiunge di sottofondo 'il/la ma, però' che sta brontolando a qualche pover'anima capitatagli a tiro il perché non è d'accordo e la pensa diversamente) di argomenti decisamente non inerenti all'assemblea.
Ma cristo signore perché lo fate?? ma chiedete di andare in bagno! E poi è proprio così impossibile partecipare per mezz'oretta? Almeno fate finta di partecipare o di stare attenti.
Ebbene, a quest'ultima categoria, in un raptus di rabbia poco elegante, dirò molto caldamente 'fuck off.' Avete capito? Fuck off, non meritate il mio interesse.

Morale di questo lunghissimo post? Oggi, in un impeto di buona volontà, mi sono proposta per fare la segretaria di classe; ciò significa che dovrò per forza partecipare ad ogni assemblea. Chi me l'ha fatto fare? Ah, già la mia buona volontà  e la mia voglia di compilare i verbali come Dio comanda, non alla carlona.
Dunque sono fregata e mi verrà puntualmente mal di gola una volta al mese, ma per il bene della mia classe, anzi per il bene di certe compagne di classe a cui voglio bene, presenzierò a tutte le assemblee di classe, o quasi.

Nessun commento:

Posta un commento